× Chi siamo Fbf nel mondo I nostri Valori Formazione e Ricerca Ufficio Stampa Come Raggiungerci   Informazioni utili Mondo donna e nascita Attività privata Pronto soccorso Carta dei servizi Volontariato Servizio pastorale
 Menu
× Chi siamo Fbf nel mondo I nostri Valori Formazione e Ricerca Ufficio Stampa Come Raggiungerci   Prenotazione Referti Aree Mediche Medici Ricoveri URP   Informazioni utili Mondo donna e nascita Attività privata Pronto soccorso Carta dei servizi Volontariato Servizio pastorale    Centralino 0668371  CUP 0668136911  URP 066837843

CONCERTO DI SOLIDARIETA' A SOSTEGNO DELLA TERAPIA INTENSIVA NEONATALE DELL'ISOLA TIBERINA

News

Continua la solidarietà in casa Fatebenefratelli-Isola Tiberina. Nella splendida cornice della Sala Assunta, alla presenza dell’Ambasciatore di Spagna per la Santa Sede, Don Gerardo Angel Bugallo Ottone, del Vice Presidente Operativo, Fra Pascal Ahodegnon, del Direttore Generale dell’Ospedale, Stefano, Michelini, e del Priore della Comunità Religiosa, Fra Angel Lopez, si è svolto il concerto di beneficenza del gruppo “Tuna Espana”, associazione universitaria formata da veterani, studenti, dottori e laureati, provenienti da diverse facoltà delle università spagnole e iberoamericane, che – in abiti tradizionali del XVI e XVII secolo – girano il mondo per mantenere viva e far conoscere la tradizione musicale “Tuna”. 
Una vera e propria istituzione, riconosciuta ufficialmente nel 2013 dall’Alto Commissario del Governo Spagnolo e dall’UNESCO per il suo importante contributo nella promozione dell’immagine della Spagna dentro e fuori i confini del paese. 
L’evento – organizzato dalla Onlus della Casa Generalizia dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio – ha riscosso un enorme successo di pubblico, coinvolgendo i presenti con danze, musiche e canti tradizionali.
I fondi raccolti saranno destinati alla Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale, per l’acquisto di un apparecchio per l’ipotermia terapeutica, impiegata per i neonati con asfissia alla nascita, al fine di minimizzare i danni cerebrali. L’acquisto di questo strumento all’avanguardia permetterà al Reparto di proseguire nel suo percorso di rinnovamento strutturale e tecnologico iniziato già nel 2016.