× Chi siamo Fbf nel mondo I nostri Valori Formazione e Ricerca Ufficio Stampa Come Raggiungerci   Informazioni utili FBF digital Mondo donna e nascita Attività privata Pronto soccorso Carta dei servizi Volontariato Servizio pastorale
 Menu
× Chi siamo Fbf nel mondo I nostri Valori Formazione e Ricerca Ufficio Stampa Come Raggiungerci   Prenotazione Referti Aree Mediche Medici Ricoveri URP   Informazioni utili FBF digital Mondo donna e nascita Attività privata Pronto soccorso Carta dei servizi Volontariato Servizio pastorale    Centralino 0668371  CUP 0668136911  URP 066837843  CUP  Odontoiatrico
06.6837218
06.6837357
Skip Navigation LinksMondo donna e nascitaIl parto - Raccolta del sangue cordonale per uso autologo

Raccolta Sangue Cordonale

È garantito il Servizio di raccolta del sangue cordonale per uso autologo. Per richiedere l'autorizzazione per l'esportazione all'estero delle cellule da cordone ombelicale, leggere le indicazioni contenute nella "Procedura FBF". Il modulo di "Domanda Autorizzazione - Questionario", opportunamente compilato e firmato, dovrà essere trasmesso all'indirizzo: gm.direz_sanitaria@fbf-isola.it unitamente alla restante documentazione scannerizzata (certificazione del Kit, esami di laboratorio relativi ai markers infettivologici HbsAg, HCV, HIV, pagamento ticket regionale di euro 250).

Facoltativamente, può essere anticipata via mail anche la "Certificazione DS", compilata con i dati dei genitori, cioè il modulo autorizzativo che la Direzione Sanitaria provvederà a rilasciare, dopo aver verificato la completezza della documentazione prevista, apponendovi timbro e firma.

Nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì tra le ore 11.00 e le ore 12.00 si potrà ritirare l’autorizzazione vidimata dalla Direzione Sanitaria, previa consegna della "Domanda Autorizzazione - Questionario" in originale.



"Considerato che, nonostante le informazioni diffuse dai mass media promuoventi la conservazione del sangue cordonale per un possibile futuro uso proprio (autologo), la mancanza di protocolli terapeutici specifici su detto uso autologo e di dati scientifici a sostegno di questa ipotesi in ordine, fra l’altro, alla funzionalità delle cellule dopo conservazione per molti anni o decenni, alla continuità ed affidabilità nel tempo dei programmi di conservazione, rendono oggi tale attività di raccolta ad uso autologo ancora gravata da rilevanti incertezze in ordine alla capacità di soddisfare eventuali esigenze terapeutiche future". (DM Salute del 18 novembre 2009).