× Chi siamo Fbf nel mondo I nostri Valori Formazione e Ricerca Ufficio Stampa Come Raggiungerci   Informazioni utili Mondo donna e nascita Attività privata Pronto soccorso Carta dei servizi Volontariato Servizio pastorale
 Menu
× Chi siamo Fbf nel mondo I nostri Valori Formazione e Ricerca Ufficio Stampa Come Raggiungerci   Prenotazione Referti Aree Mediche Medici Ricoveri URP   Informazioni utili Mondo donna e nascita Attività privata Pronto soccorso Carta dei servizi Volontariato Servizio pastorale    Centralino 0668371  CUP 0668136911  URP 066837843

Pronto Soccorso

Unità Operativa

Unità Operativa Complessa di Pronto Soccorso, Breve Osservazione.

Ubicazione

Piano terra

Contatti

Responsabile Medico 06.6837299
Responsabile Assistenza Infermieristica 06.6837324

Direttore

Dott. Sergio Timpone

Staff

Strutturati
Dott. Bastianelli Claudio                  
Dott.ssa Della Guardia Paola                    
Dott.ssa Di Francesco Letizia
Dott.ssa El Couhen Fatim Zahra                    
Dott.ssa Falanga Diana                    
Dott. Farina Fabrizio                 
Dott. Manzi Massimo – coordinamento delle attività di Pronto Soccorso 
Dott.ssa Romeo Rosamaria                
Dott. Spataro Sandro                   
Dott. Vincentelli Giovanni Maria           
Consulenti
Dott. Barberini Sergio
Dott. Berardi Iarno                    
Dott.ssa Cuoco Valentina  
Dott.ssa Falasca Anna
Dott. Lucchino Bruno               
Dott.ssa Orkabi Rina                     
Dott.ssa Sangiorgi Elena  

Coordinatori

Coordinatrice Pronto Soccorso: Sig.ra Rossella Saturnini

Prestazioni fornite

L’Ospedale S.Giovanni Calibita è sede di DEA di I livello nella rete territoriale regionale.
Il DEA assicura, oltre ai servizi di emergenza e di urgenza tipici del Pronto Soccorso di base, interventi terapeutici e diagnostici più specialistici, in particolare, interventi di rianimazione e terapia intensiva, medicina di urgenza e trasfusionale;
il Paziente accede:
- per decisione autonoma, con i propri mezzi
- su richiesta del Medico curante, di un Medico specialista o di guardia medica
- con ambulanza tramite il servizio 118.
L’accesso dei familiari all’interno dei locali del P.S. non è consentito fatto salvo eccezioni valutate dal personale sanitario (es, necessità mediche o assistenziali per le quali è utile il supporto di un familiare).
Qualora sia necessaria una assistenza medica di livello superiore (es. neurochirurgia,cardiochirurgia, chirurgia toracica, chirurgia vascolare, unità grandi ustioni e spinali, politrauma) si provvede ad un trasferimento diretto presso il DEA di II livello (S.Camillo Forlanini e Policlinico Umberto I, in funzione della tipologia di assistenza).

PERCORSI RAPIDI PER EMERGENZE OTORINOLARINGOIATRICHE E OCULISTICHE
I pazienti  che si rivolgono al Pronto Soccorso per problematiche oculistiche o otorinolaringoiatriche e che vengono ammessi al Triage con codici non prioritari (“verde” o “bianco”), anziché attendere per un tempo non prevedibile i medici di PS impegnati a dare la giusta precedenza ai casi di maggiore gravità, saranno indirizzati dall’infermiere triagista, previo inquadramento clinico,  direttamente all’Ambulatorio di riferimento.  Qui, il paziente sarà visitato dallo specialista per gli opportuni controlli e quindi dimesso.
Solo alcune condizioni cliniche, concordate con i medici specialisti, daranno diritto al percorso rapido; tra queste, casi di congiuntivite, irritazione o dislocazione della lente a contatto, rinite, presenza di corpo estraneo nell’occhio, nel naso o nell’orecchio.
Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 20.00 e il sabato fino alle 14.00.

Info utili per i pazienti

Al momento dell’accesso vengono registrati i dati anagrafici e viene stabilito il grado di priorità  (TRIAGE) di accesso alle cure.
Il TRIAGE viene eseguito da un Infermiere Professionale esperto, applicando  protocolli stabiliti  dalla Regione Lazio.
In base alla valutazione clinica viene assegnato al paziente uno dei seguenti codici:
• 1 ROSSO - emergenza
• 2 ARANCIONE - urgenza
• 3 AZZURRO - urgenza differibile
• 4 VERDE - urgenza differibile 
• 5 BIANCO - non urgenza
A seguito del triage il paziente attende, nell’apposita sala, la chiamata per la visita.
In funzione del volume di afflusso di codici ad alta priorità (rosso/giallo) è opportuno sapere che i tempi di attesa possono essere  lunghi.
Il codice di triage può anche variare al termine della visita, qualora dalle indagini diagnostiche si rilevi una situazione clinica di maggiore o minore gravità.
Eventuali visite di controllo a distanza suggerite dal medico di Pronto Soccorso o dallo specialista, devono seguire il percorso ambulatoriale (prenotazione  ed accesso con impegnativa).

Le specialità cliniche in consulenza al DEA H24 (guardia attiva) sono:
anestesia e rianimazione, ostetricia e ginecologia,medicina, cardiologia/UTIC, chirurgia, ortopedia e radiologia
Le pazienti di interesse ostetrico o ginecologico, dopo la registrazione dei dati anagrafici e il Triage, accedono direttamente alla sala  visita del Pronto Soccorso  Ostetrico-Ginecologico dove vengono assistite da personale sanitario dedicato.

Il Paziente non può allontanarsi dal Pronto Soccorso prima di essere preso in carico dal Medico e comunque prima della chiusura della cartella di PS; eventualmente lo decida, deve obbligatoriamente sottoscrivere l’apposito modulo di rifiuto cure.
L’accesso di PS può esitare in:
-    dimissione a domicilio
-    ricovero
-    trasferimento per consulenza presso altro PS e rientro in Ospedale
-    trasferimento presso altro Ospedale per necessità di cure di II livello o per mancanza di posto letto
In caso di rifiuto al trasferimento per ricovero il paziente è tenuto a firmare l’assunzione di responsabilità legata all’eventuale ricovero in barella.
Al paziente in dimissione a domicilio viene rilasciato il verbale di Pronto Soccorso.
Nei casi in cui lo stesso si fosse allontanato senza avvisare il Personale Sanitario, il verbale viene chiuso con la dicitura ”il paziente si allontana dal P.S.” e non verranno formulate prognosi o diagnosi.

La Cartella di Pronto Soccorso, completa di eventuali indagini diagnostiche e/o consulenze, viene rilasciata in copia conforme previa richiesta da effettuare agli sportelli centrali con pagamento dei diritti di segreteria (tempo medio di attesa 7 giorni) e ritirata presso lo sportello 9 al piano -1 dell’ospedale.
Nei casi in cui all’accesso abbia seguito il ricovero, la cartella di pronto soccorso diventa parte integrante della cartella clinica, che dovrà quindi essere richiesta seguendo le previste procedure.
In caso di infortunio lavorativo il paziente è tenuto a dichiarare al sanitario l’eventuale opportunità di rilascio dell’INAIL (lavoratori dipendenti); in tali casi è previsto il rilascio del solo primo certificato, la cui copia viene consegnata al paziente all’atto della dimissione; non si effettuano prosecuzioni o chiusure in quanto di competenza degli Ambulatori territoriali dell’ INAIL o del Medico di Medicina Generale.